CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER

Scritto da Jacopo Braghiroli - 05/04/14
Guarda il trailer

DATI
Regia: Anthony e Joe Russo
Soggetto: fumetti di Joe Simon, Jack Kirby e Ed Brubaker
Sceneggiatura: Stephen McFeely, Christopher Markus
Durata: 136 minuti
Anno: 2014

[Jaco] - voto: 8
[Raff] - voto: 8

[Jaco] - voto: 8
Mi sono dovuto ricredere. Se nel primo film ci veniva presentato uno Steve Rogers si ricco di dettagli e con una storia intrigante, ma acerbo e privo di carisma, qui Cap è fortemente maturato, reduce anche dagli eventi di New York in The Avengers. Nel crossover dei supereroi la sua figura è stata un po' messa all'angolo dagli altri personaggi, e questo cozza con la sua versione fumettistica, dove è la punta di diamante della squadra, ma in The Winter Soldier si è disegnato un Capitan America sempre più consapevole di se e del suo ruolo di difensore e guida. Mi auguro che anche in Age of Ultron emergano queste caratteristiche. Il film è ben scritto e vola che è un piacere, tanti personaggi, grandi cattivi, tutti ben caratterizzati (Nick Fury e Natasha Romanoff certezze che non si smentiscono), azione, colpi di scena e chicche incollano alla poltrona. Come ha saputo fare anche Thor: The Dark World, viene nuovamente eclissato il flop (parere molto personale) Ironman 3. Basta con i soliti supercattivi piatti, basta con la solita trama vista e rivista e le battutine fuori luogo: posiziono Captain America: The Winter Soldier al primo posto sul podio dei film post Avengers. Cinecomic consigliatissimo!

PRO
Effetti speciali ben utilizzati e di alta qualità
Tanta azione, colpi di scena e citazioni
Eroi e villains finalmente non banali

CONTRO
Nessun neo particolare


[Raff] - voto: 8
Che folgorante ritorno!
Rarissimo esempio di sequel che supera di cento volte il capitolo iniziale.
Se il primo Captain America era fin troppo pomposo ed esagitato, questo Winter Soldier è ben calibrato ed equilibrato sotto tutti i punti di vista; complice una regia attenta ai dettagli, asciutta, in grado di regalare una sequenza di sparatoria (verso metà film) degna quasi di Heat - La Sfida (1995). Poi bisogna dirlo: è impossibile non esprimere entusiasmo di fronte alla new entry del gigante Robert Redford (qui nell’inusuale veste di antagonista), presenza che da sola impreziosisce la pellicola.
Per il resto, se il primo era un film di guerra, questo è in tutto e per tutto una pellicola di spionaggio. Di quelle attuali e necessarie, dove buoni e cattivi si confondono, dove gli intrighi politici hanno profonde radici morali e sociali, dove le parti si ribaltano, dove gli eroi esistono sì ma sono vulnerabili (tanto nel corpo quanto nello spirito), dove i personaggi (per una volta, grazie a Dio) hanno vero spessore (ampio spazio viene qui dedicato alla figura di Nick Fury, interpretato da Samuel L. Jackson).Detto fuori dai denti, non sembra neanche un film della Marvel (ed è un complimento enorme): questo perché al posto di quell’irritante ironia facilotta che ha ammorbato molte delle  pellicole provenienti dalla suddetta casa cinematografica, riscontriamo una tensione drammatica consistente. Lo spettacolo a buon mercato, poi, si fa da parte per privilegiare un rigore stilistico e narrativo che da un film di questo tipo non ci si aspettava assolutamente. Presentata così pare forse assomigliare di più a I Tre Giorni del Condor (1975) che non a un film d’azione. E invece no. The Winter Soldier compie anche il miracolo di regalarci uno dei finali più spettacolari che si siano visti negli ultimi anni, con gli Helicarrier che si alzano in cielo per bombardarsi l’un l’altro come fossero due velieri d’altri tempi intenti a farsi fuoco con cannonate rimbombanti. Ci troviamo così di fronte a uno spettacolo pirotecnico di rara bellezza, in grado di soddisfare appieno le esigenze di un pubblico che, da un film del genere, si aspetta soprattutto (e, in fin dei conti, non a torto) esplosioni ed effetti speciali. Il miglior film della Marvel realizzato fino ad adesso.



PILLOLE DI CINEMA [ATTENZIONE SPOILER]
- Partiamo col botto: scene finali, "Ezechiele 25:17" come epitaffio sulla lapide di Nick Fury. Erezione granitica immediata, salto sulla sedia e risate di eccitazione smodata. Chi non sa di cosa parlo deve vergognarsi.
- Citazioni su Tony Stark, Bruce Banner, Stephen Strange.
- Il senatore Stern, già comparso in Ironman 2, è un sostenitore dell'Hydra, e ora si capisce bene il motivo del perchè volesse requisire l'armatura di Stark.
- Alla fine del film Brock Rumlow viene mostrato pieno di ustioni e gravemente ferito mentre riceve i primi soccorsi, probabile che torni nelle vesti di Crossbones (la sua figura è molto importante, ma non svelo di più). Stesso discorso per la scena finale dopo tutti i titoli di coda con Bucky Barnes/Winter Soldier, personaggio ricco di sviluppi sui fumetti.
- Arnim Zola ha inserito il proprio intelletto in un enorme computer dove può comunicare col mondo esterno tramite uno schermo in cui si intravede l'immagine del suo volto; anche nel fumetto fa lo stesso ma diversamente diviene un androide che ha lo schermo sul petto diventando un pericoloso criminale a tutti gli effetti. Nel primo film è possibile vedere Zola mantenere un foglio contenente un progetto per un eventuale robot, come avviene nei fumetti.
- Nel corso del film Vedova Nera e Capitan America scendono nel bunker in cui è situato un vecchio computer a nastri. Vedova Nera si avvicina alla tastiera del computer e pronuncia la frase "Vuoi giocare?", a cui segue uno scambio di battute con Capitan America su un riferimento ad un vecchio film. La pellicola a cui ci si riferisce è Wargames - Giochi di guerra.
- Nonostante nei fumetti venga esplicitato che Peggy Carter e Sharon Carter siano parenti, per l'esattezza la prima è la zia dell'altra, nel film non vi è alcun riferimento al legame di parentela che c'è tra le due donne.
- Concludiamo con la scena dopo i primi titoli di coda, veramente destabilizzante: sotterranei dell'Hydra, il personaggio col monocolo è il Barone Wolfgang Von Strucker, e ci vengono presentati due gemelli segregati in cella. Quicksilver e Scarlet, il primo in grado di muoversi più veloce del suono, e la seconda, in grado di far avverare qualsiasi cosa pensi, praticamente il mutante più potente sulla Terra. Ah, dimenticavo...sono i figli di Magneto. Mutande croccantissime, pur non avendo i diritti cinematografici, attualmente in mano alla FOX, per citare i mutanti degli X-Men (Strucker parla infatti di una "era dei miracoli") abbiamo su schermo due dei personaggi più importanti dell'universo Marvel, che sembrano indicarci un futuro di incontro tra Vendicatori e X-Men. Se tutti questi ingredienti saranno sfruttati a dovere e col rispetto delle fonti fumettistiche (i fans sanno cosa potrebbe implicare a livello di trama) ne vedremo delle belle. Hype over 9000.


CAST
Chris Evans: Steve Rogers/Captain America
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff/Vedova Nera
Sebastian Stan: Bucky Barnes/Winter Soldier
Anthony Mackie: Sam Wilson/Falcon
Cobie Smulders: Maria Hill
Frank Grillo: Brock Rumlow/Crossbones
Emily VanCamp: Agente 13
Hayley Atwell: Peggy Carter
Georges St-Pierre: Georges Batroc
Robert Redford: Alexander Pierce
Samuel L. Jackson: Nick Fury
Dominic Cooper: Howard Stark
Toby Jones: Arnim Zola
Garry Shandling: Senator Stern
Maximiliano Hernández: Jasper Sitwell
Callan Mulvey: Jack Rollins
Chin Han: Membro del Consiglio S.H.I.E.L.D.
Jenny Agutter: Membro del Consiglio S.H.I.E.L.D.
Alan Dale: Membro del Consiglio S.H.I.E.L.D.
Bernard White: Membro del Consiglio S.H.I.E.L.D.
Stan Lee: guardia dello Smithsonian
Thomas Kretschmann: Barone Von Strucker
Aaron Taylor-Johnson: Quicksilver
Elizabeth Olsen: Scarlet

Nessun commento:

Posta un commento