GODZILLA (2014)

Scritto da Jacopo Braghiroli - 13/06/16
Guarda il trailer

DATI
Regia: Gareth Edwards
Sceneggiatura: Frank Darabont, David Callaham, Max Borenstein
Durata: 123 minuti
Anno: 2014

Voto di [Jaco]: 6,5
Voto di [Raff]: 6









Voto di [Jaco]: 6,5
Godzilla è tornato. Una scia di disastri occultati dal governo sembra portare la firma di incontrastabili forze della natura un tempo dormienti ma che ora sono state ridestate. Il mio voto è una media fra elementi che si contrappongono. Ci sarebbe un 8 dato dai fan del re dei mostri, da quelli che hanno ormai capito che è meglio non vedersi più di un trailer prima dell'uscita di un film, da quelli che guardano al contesto integrale della pellicola. E c'è un 5 all'ennesima presa dei fondelli da parte dei soliti trailers farlocchi, e al pessimo sfruttamento del cast. Mi spiego: il trailer è stato fuorviante a livello di quello di Iron Man 3, vengono presentati certi personaggi, una certa creatura, ma nel film i presunti protagonisti sono solo di contorno, e il mostro ha un profilo tutto diverso da quello che ci si aspetterebbe. Il film vuole presentarsi in forma realistica, allontanandosi dalle atmosfere gigionesche del Godzilla del 1998 per immergere lo spettatore nelle sue paure più ataviche, contro le quali nulla può. Diverse sono le spiegazioni che vengono date della creatura (dall'espertone giapponese di turno), e sono tutte ben congegnate, a parte una, che non viene per nulla accennata e quando si rivela lascia lo spettatore sbigottito, specie quello che non conosce la mitologia della bestia. Il mio apprezzamento va alla tecnica di qualità (per chi conosce Monsters sempre di Gareth Edwards qui ne ha sentito l'eco), all'ottima fotografia, agli effetti speciali, al sonoro da brividi, ma tutto il bello si perde quando assistiamo ai numerosi tagli netti durante le scene d'azione, equiparabili a dei veri e propri coitus-interruptus cinematografici, per non parlare dello stile che si è deciso di adottare nelle sequenze finali, assolutamente fuori luogo e oserei dire folle) dopo la devastazione delle due ore appena passate. Non viene percepito il senso di smarrimento ed impotenza dell'uomo di fronte alle calamità che si susseguono durante la visione, Cloverfield (voto 9) rimane imbattuto per me. Consiglio in ogni caso Godzilla a tutti, e vorrei sapere i vostri pareri a riguardo.

NOTA PERSONALE [ATTENZIONE SPOILER]
Ho saggiamente evitato tutti i trailer tranne il primo per mesi. All'entrata del cinema una ragazzina grida alle sue amiche: "NOOOO MA GODZILLA ERA BUONO, SONO GLI ALTRI DUE CHE SONO CATTIVI".
Bestemmia.

Voto di [Raff]: 6
Questo nuovo Godzilla affastella tutte le più gravi tragedie che hanno afflitto la Storia recente (troviamo il disastro di Fukushima, lo tsunami che ha colpito la Thailandia nel 2004, nonché ovviamente riferimenti all'undici settembre). Purtroppo però non si vive solo di esorcizzazione paure collettive. Tanto più se a far da sfondo è una trama fastidiosamente cerebrale che dà vita a un film il cui decollo si aspetta e si aspetta, ma non arriva mai. E Godzilla? Un bestione statico che non vediamo quasi mai salvo che negli ultimi venti minuti. Ma c'è ancora di più: è incredibile come la componente spettacolare venga sempre smorzata proprio sul momento di esplodere; non a caso le mastodontiche devastazioni sono sempre viste attraverso un telegiornale trasmesso in tv. Espediente che rimanda all'attualità, direte voi? Sì, ma è anche controproducente. Quando il blockbuster, solo nel finale, comincia a fare il suo dovere, per la riuscita del film è ormai troppo tardi. Cosa rimane quindi? La triste fotografia di un'America più spaventata dai blackout (che durante il corso della pellicola, infatti, si ripetono in modo ossessivo) che non dalle catastrofi vere e proprie. Un Paese che ha bisogno di mostri per garantire la pace e l'ordine: una preoccupante constatazione sociale. Senza neppure tirare in ballo il capolavoro del 1954, rimpiangiamo amaramente la spettacolare (quella sì) versione di Roland Emmerich del 1998: ci si prendeva molto meno sul serio e ci si divertiva molto di più.

PRO
- Si torna alle origini, la radioattività la fa da padrone!
- Effetti sonori da brividi, il dolby del cinema ti getta nell'azione.
- Citazioni molteplici, bellissimo il richiamo a 2001 - Odissea nello Spazio nella scena del lancio dall'aereo, come anche quello (l'ho notato solo io?) a Jurassic Park nella scena iniziale, con il sorvolo di catene montuose verdissime e l'elicottero grigio e azzurro palesemente identico a quello usato da John Hammond per arrivare a Isla Nublar.


CONTRO
- Cast utilizzato con i piedi.
- Avrei voluto saperne di più sui mostri.
- Un non perfetto utilizzo della tecnica "ti faccio vedere il mostro e poi mi sposto": in Cloverfield la paura era palpabile perchè pur seguendo il film attraverso la handycam dei protagonisti che si nascondevano in palazzi e sotterranei sapevi che il mostro era la fuori, qui invece quando il mostro non si riprende non ci si ricorda della minaccia incombente


CAST
Aaron Taylor-Johnson: Tenente Ford Brody
CJ Adams: Ford Brody da bambino
Bryan Cranston: Joseph "Joe" Brody
Ken Watanabe: Ichiro Serizawa
Elizabeth Olsen: Elle Brody
Sally Hawkins: Dottoressa Wates
Juliette Binoche: Sandra Brody
David Strathairn: Ammiraglio Stenz
Carson Bolde: Sam Brody
Richard T. Jones: Russel Hampton
Al Sapienza: Huddleston
Akira Takarada: Agente dell'immigrazione giapponese
Victor Rasuk: Sergente Tre Morales

2 commenti:

  1. Completamente d'accordo con te! La cosa che mi ha dato più delusione è stata la morte quasi immediata di Brian Cranston, non inserendo neanche un dialogo significativo tra padre e figlio prima della morte ...cmq nel complesso mi è piaciuto molto!! La componente tecnica e sonora come hai detto tu è veramente spettacolare *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cranston, come anche la Binoche, avrebbero dovuto essere i protagonisti di tutto il film, il team del casting, della sceneggiatura, o comunque i responsabili di ciò che è uscito poi alla fine sono stati degli scellerati. Gli errori commessi in questo film lo hanno posizionato a metà tra l'essere un film che si prende sul serio ad uno che deve essere preso come Pacific Rim o simili, molto più tamarri. Capitolo chiuso per ora, con qualche rammarico profondo. Ora tocca a X-MEN - DAY OF FUTURE PAST! AIUTO!

      Elimina