NEED FOR SPEED

Scritto da Andres Ardu - 17/02/15
Guarda il trailer

DATI
Regia: Scott Waugh
Sceneggiatura: George Gatins
Durata: 130 minuti
Anno: 2014
[Ardu] - voto: 4
[Raff] - voto: 7,5
Trailer


[Ardu] - voto: 4
"Oh guarda c'è Aaron Paul!". Si, se ve lo state chiedendo questa è l'unica - e a conti fatti debolissima - motivazione che mi ha spinto a guardare questo film. Sia chiaro mi aspettavo una porcata, mi aspettavo badilate di ignoranza direttamente sulle gengive a freddo, mi aspettavo un clone di "Fast and Furious" e mi aspettavo tante ma tante macchine volanti...ecco devo ammettere che sotto questi aspetti "Need for Speed" fa quattro su quattro.
Sarò molto breve, anche perchè non c'è quasi nulla da dire:
1) Jesse Pinkman senza 1kg di meth in corpo e nei panni del driver dannato, tenebroso e dal passato burrascoso è uno spettacolo che rischia di far salire qualsiasi forma di estremismo.
2) La storia di una corsa clandestina per cancellare il passato e vendicarsi del cattivo-fantoccio di turno era già abusata negli anni '90, facciamo due conti.
3) La sceneggiatura è talmente debole che non riesce nemmeno a fungere da pretesto alle fasi di corsa, tanto valeva filmare per 2 ore una sessione di gioco alla Playstation e forse il risultato sarebbe stato migliore.
"Se non vi interessano 70 vergini nell'altro mondo io lascerei perdere" [cit.] .

PRO
- mmm...le auto?

CONTRO
- seriamente a tratti è quasi imbarazzante.
- Randall Raines mi manchi moltissimo...


[Raff] - voto: 7,5
“Need for Speed” inizia con un inseguimento che, da solo, vale forse tutti i “Fast & Furious” messi assieme. Alla becera e tamarra colonna sonora che fa da sottofondo alle sequenze di corsa nella saga con Vin Diesel qui vengono sostituite due componenti fondamentali: il rombo dei motori e lo stridere delle ruote sull’asfalto. Tali elementi squarciano il silenzio, conferendo al film una carica e una potenza che nel ristretto genere “automobilistico” non si era mai vista. Quanto meno non in modo così dirompente ed efficace. Da un film come quello in analisi ci si aspettava l’ennesima copia smorta della serie iniziata nel 2001 da Rob Cohen. E invece no. L’opera di Waugh narra in primis di una vendetta la cui urgenza viene costantemente rimarcata, e della quale ci sentiamo quindi partecipi. A differenza di “Fast & Furious” (insisto, perché il paragone è doveroso quanto inevitabile) qui abbiamo dei personaggi degni di questo nome. Che poi la loro caratterizzazione si abbassi in certi punti a stereotipo non è che una sacrificabile esigenza di genere. Ma vi sono altri momenti invece in cui la partecipazione viva e sincera del cast rende la nostra immedesimazione più autentica che mai. “Need for Speed” è puro genere, ma fatto con mestiere; un’opera per certi versi invidiabile eppure passata in sordina, probabilmente perché non abbastanza spettacolare ed esag(er/it)ata per i discutibili standard ai quali il pubblico è oggigiorno abituato. Un blockbuster intelligente, che privilegia il racconto rispetto allo stupore pirotecnico, che guarda al plot prima che agli effetti speciali. That’s entertainment!
 
 
 
CAST
Aaron Paul: Tobey Marshall
Imogen Poots: Julia Bonet
Dominic Cooper: Dino Brewster
Ramòn Rodrìguez: Joe Peck
Kid Cudi: Benny
Rami Malek: Finn
Michael Keaton: Monarch
Harrison Gilbertson: Pete
Dakota Johnson: Anita
Nick Chinlund: agente Lejeune
Stevie Ray Dallimore: Bill Ingram

Nessun commento:

Posta un commento