UNDER THE SKIN

Scritto da Jacopo Braghiroli - 29/01/17
Guarda il trailer

DATI
Regia: Jonathan Glazer
Soggetto: Michel Faber
Sceneggiatura: Walter Campbell, Jonathan Glazer
Durata: 108 minuti
Anno: 2013

Voto [Jaco]: 6,5
Voto [Raff]: 5
Trailer



[Jaco]
E se gli alieni fossero già tra di noi? Under The Skin non è la solita pellicola tutta effetti speciali e abduction gratuite, ma un'interessante produzione basata sull'omonimo romanzo di Michel Faber (vedi sotto per saperne di più). Se vi siete stancati dei colorati blockbuster americani del filone alieno questo film fa al caso vostro. Una Scarlett Johansson dalle forme generose, gelida e enigmatica vi porterà in giro per le strade scozzesi, togliendovi ogni benché minima convinzione di essere la specie dominante su questo pianeta e di avere una qualche libertà sulle scelte del vostro futuro. L'assenza di dialoghi e le immagini spesso spiazzanti fanno chiedere "perchè sta accadendo ciò? cosa vuole lei da noi?". Anche se il comparto visivo stupisce piacevolmente, la struttura narrativa esile e il misterioso personaggio della Johansson non riescono a creare una storia corposa che stupisca lo spettatore. Un buon esercizio registico che tenta di raccontare in modo nuovo la vacuità della vita umana, ma che non coinvolge appieno.

PRO
Musiche azzeccatissime e alcune scene davvero disturbanti.
Scarlett Johansson intensa e magnetica.

CONTRO
Il regista viene dal panorama del videoclip musicale e pubblicitario, dove regnano tempistiche brevi e messaggi concentrati. In sostanza con Under The Skin ha spalmato una clip su circa due ore, diluendo il tema centrale e rendendo soporiferi diversi passaggi.



[Raff]
Ci sono pochissime premesse da fare su questo film passato praticamente (e a ragione) in sordina. Il messaggio del regista è impenetrabile o (molto più probabilmente) inesistente. Tenta di scavare nel marcio (di che cosa poi non è ben chiaro), nella corruzione dell’impulso sessuale, ma fa emergere solo un vuoto narrativo quanto emotivo come di rado è capitato di vedere. Under the Skin è un film sul sesso senza sesso, dove una (non) donna incontra uomini schiavi di desideri bassi ed effimeri. Un’opera che vorrebbe parlare delle (e riflettere sulle) apparenze e sulla loro caducità, ma non racconta né comunica nulla di concreto (né di astratto): non c’è una fine né un inizio, non ci sono personaggi, ma solo corpi vacui che riempiono le inquadrature. Forse è un film sulla morte della seduzione? Forse va invece visto secondo un’ottica sessista? (non c’è un uomo presente nel film che non venga rappresentato come un verme sessodipendente, quando non addirittura ignobile stupratore). Si salvano due sequenze da applausi: quella dove una delle vittimedella Johansson sprofonda nel nero e si smaterializza dissolvendosi in un non meglio definito abisso, e quella finale dove la protagonista si spoglia della propria pelle. Due atti sublimi di splendore inarrivabile che annegano in un nulla indefinibile proprio come fanno i tanti uomini nel corso del film.

PILLOLE DI CINEMA [fonte:wikipedia]
Il libro
Sotto la Pelle è un romanzo del 2000 dello scrittore olandese Michel Faber.
Il romanzo, all'interno di una cornice fantascientifica, ha una connotazione cupamente satirica, toccando temi di politica vicini alle industrie, l'allevamento intensivo e il decadimento ambientale. Riflette anche su domande più esistenziali, come lo snobismo, la pietà, l'umanità e l'identità sessuale.
L'aliena di nome Isserley, dopo essere stata chirurgicamente modificata per assomigliare a una femmina umana, si aggira in automobile per la campagna scozzese per rapire ignari autostoppisti maschi. Questi vengono drogati da Isserley tramite aghi avvelenati posti sotto il sedile del passeggero, poi vengono consegnati ad alcuni suoi simili che portano i corpi dei rapiti in una installazione nel sottosuolo: qui li mutilano e li fanno ingrassare, così che possano essere trasformati in bistecche di carne umana, cibo prelibato e raffinato sul pianeta natale di Isserley. L'intera procedura è stata allestita da una potente multinazionale aliena che lucra sul commercio di carne umana. Nel romanzo non viene mai specificata l'esatta provenienza delle creature aliene, tuttavia è chiaro che arrivino da un altro pianeta in quanto spesso rimangono sbalordite per alcuni tipici fenomeni atmosferici della Terra come la pioggia e la neve. Le stesse fattezze di queste creature non sono mai chiarite nel dettaglio, anche se il fatto che si muovano a quattro zampe, abbiano una lunga coda, un volto appuntito e siano ricoperte di pelliccia sembra donare loro un aspetto quasi canino.

CAST
Scarlett Johansson: Laura
Paul Brannigan: Andrew

Nessun commento:

Posta un commento