AVENGERS: AGE OF ULTRON

Scritto da Jacopo Braghiroli - 23/04/15
Guarda il trailer
 

DATI
Regia: Joss Whedon
Soggetto: Stan Lee
Sceneggiatura: Joss Whedon
Durata: 141 minuti
Anno: 2015

[Jaco] - voto: 7,5
[Tibo] - voto: 9
[Ardu] - voto: 8 
[Delmo] - voto: 7,5 


Avengers: Age of Ultron è la seconda avventura dei supereroi Marvel, che si vedono costretti a fronteggiare il programma senziente Ultron, il cui unico scopo è distruggere la Terra per purificarla da quella piaga che è l'essere umano. Ma chi ha creato Ultron? C'è qualche misterioso burattinaio che tira i fili di questa ennesima minaccia?


[Jaco] - voto: 7
Ancora una volta Joss Whedon riesce a realizzare una storia corale e ben bilanciata con tanti protagonisti carismatici. L'azione e l'intrattenimento non mancano assolutamente, rimarrete incollati allo schermo per tutte le due ore del film, scoprendo nuovi lati dei personaggi cercando di carpire le macchinazioni del nemico. Nota dolente del film sta nella sua natura di "capitolo traghettatore". Facendo da tramite per la prossima Fase 3 Marvel, in cui spiccano il già attesissimo Captain America: Civil War e il futuro Avengers: Infinity War (I e II), non ci si sofferma abbastanza sul corpo della storia, introducendo troppo in fretta Ultron senza approfondire abbastanza la sua psiche e inserendo situazioni già viste (civili in pericolo, battaglie caotiche). A mio parere Captain America: The Winter Soldier batte questo Avengers per quanto riguarda trama citazioni, riferimenti, colpi di scena. Ora butto un mezzo spoiler, ATTENZIONE SPOILER NON LEGGETE: indovinate chi fanno morire in maniera ignobile? Personaggio sfruttato malissimo. Al contrario di Occhio di Falco e Visione, punti forti di questo cinecomic.


[Tibo] - voto: 9
Il secondo film degli Avengers è un buonissimo film, sebbene non riesca a raggiungere i livelli d’eccellenza del primo. Ho apprezzato molto le dinamiche tra i personaggi e l'evoluzione della loro caratterizzazione, le tematiche presentate dalla pellicola (quella della sicurezza e del mostro, in particolare), e Ultron si è rivelato un ottimo, affascinante villain, nonostante una narrazione troppo frettolosa della sua creazione e delle motivazioni che ne ispirano le azioni. È presente qualche criticità: oltre a quella appena citata, in alcune scene l’uso della computer grafica è troppo evidente, e alcuni passaggi risultano di non facilissima comprensione, costringendo ad una seconda visione che, per quanto consigliata, non si dovrebbe percepire come obbligatoria.


[Ardu] - voto: 8
Fughiamo subito ogni dubbio: no, Age of Ultron non è al livello del primo Avengers, non ha lo stesso pathos e non fa uscire dal cinema con la voglia di aprire le porte a calci gridando “Vendicatori uniti!”. A mio parere ogni fotogramma del film tradisce tutta la voglia di strafare e riuscire ad ogni costo ad essere all'altezza delle – obiettivamente ingestibili – aspettative create dal predecessore cadendo nella tentazione di voler buttare troppa carne al fuoco e finendo, inevitabilmente, per velocizzare e banalizzare troppo alcuni passaggi chiave che avrebbero invece meritato più spazio. Tanto premesso ritengo comunque Age of Ultron un ottimo capitolo della saga Marvel: casinista, esaltante, ironico (forse anche oltre il necessario) e mai troppo ignorante.

PS: mi permetto un paio di considerazioni rivolte però solo a chi è già stato in sala [ATTENZIONE SPOILER!]:
- Ho fatto sinceramente fatica a capire il ruolo dei due gemelli. Mi hanno costantemente dato la sensazione di essere stati inseriti a forza, per come la vedo io la storia poteva benissimo svolgersi anche senza il loro contributo.
- Credo dovrebbero valutare l’ipotesi di dedicare un film a parte per la storia di Natasha Romanoff invece di inserire flashback sulla sua vita in ogni film in cui compare.


[Delmo] - voto: 7,5
Per prima cosa devo dire di essere d'accordo con le altre supposte: il film mescola senza controllo troppi elementi e il risultato è una storia male articolata e personaggi introdotti in modo superficiale.
Per il resto comunque rimane un buon sequel: begli effetti speciali, dinamiche di gruppo e dialoghi che funzionano, ottime le location. Io preferisco una storia più lineare ma vi consiglio comunque di andare a vederlo!


[Raff] - voto: 6,5 
Secondo capitolo di quella che rischia pericolosamente di diventare una saga, Age of Ultron ha il brutto difetto di essere esattamente quello che ti aspetti e nulla di più. Il motivo di interesse del primo capitolo era costituito dalla novità di vedere tutti (o quasi) i supereroi della Marvel in uno stesso film. Qui invece si naviga purtroppo nel déjà vù, ma non solo (e non tanto) con riferimento al primo Avengers, quanto alla luce del paragone con tutte le altre pellicole di casa Marvel. Joss Whedon ha capito che la formula per garantire il giusto intrattenimento per le masse sta nell’equilibrio delle parti, ovverosia nel bilanciamento – all’interno di un plot minimamente strutturato – dell’ironia intervallata dallo spettacolo a buon mercato. Stavolta però fa a tratti trasparire l’intento di voler prendere tutto più sul serio, il che comporta il nobile sacrificio della suddetta ironia (cosa della quale sono molto a favore per quanto riguarda operazioni simili; si veda infatti che pasticcio è capitato con Iron Man 3). Il problema è che il risultato non cambia rispetto al precedente modello, o per meglio dire non si eleva da esso, e soprattutto che il susseguirsi di inutili tentativi di scavo psicologico lo rendono un polpettone eccessivamente lungo. Voglio essere franco: senza voler offendere il buon cinema, ammetto di essere a favore di quel tipo di spettacolo che comporta la temporanea messa da parte del cervello. Eppure, quando all’introspezione nei personaggi e allo sguardo sociale si sceglie legittimamente di non ambire, servono effetti speciali che buchino lo schermo, oppure una particolare alchimia tra i protagonisti. E perché quest’ultimo fattore sia presente, non basta certo mettere tutti i vendicatori in una stanza e fermarsi lì. In quanto all’impianto spettacolare degli effetti speciali, certo, siamo in un film della Marvel. Come posso lamentarmi? Ciononostante, mentre ho letteralmente divorato le quasi tre ore di Transformers 4 rimanendo a tratti sinceramente folgorato, le due ore e venti del film recensito hanno fatto abbastanza fatica ad andarmi giù. Perché diciamocelo, il film di Michael Bay menzionato regala spettacolo di tutt’altra portata! Per questo considero quest’ultimo un accorto e sapiente regista (nel suo genere s’intende): perché ha capito che, in mancanza di un solido plot e – siamo onesti – di qualcosa da raccontare, bisogna puntare all’eccesso sfrenato e non invece al ribasso, come capita ahinoi su questo Age of Ultron. Eppure Avengers (il primo, il sequel, e probabilmente anche gli altri che verranno) continuerà a piacere, e alla base del suo successo vi è una motivazione non trascurabile: un film che ripaga pari pari le aspettative dello spettatore è per definizione qualcosa di profondamente e inconsciamente rassicurante. 



PILLOLE DI CINEMA [fonti: cineblog.it - wikipedia - coming soon.it]
- Il film apre con le scene di un assalto dei Vendicatori ad una roccaforte in Sokovia, a cui è dedicata un'ampia ripresa aerea. In realtà si tratta del Forte di Bard, la fortezza che sovrasta l'omonimo borgo in Valle d'Aosta.
- James Spader usa il suo tono di voce naturale per Ultron, senza accento o alterazioni della sua voce.
- Stan Lee ha dichiarato che questo è il suo cameo preferito.
- Aaron Taylor-Johnson e Elizabeth Olsen hanno lavorato come marito e moglie in Godzilla mentre in Age of Ultron sono fratello e sorella.
- Per nascondere la gravidanza di Scarlett Johansson, la produzione ha reclutato tre controfigure dell’attrice.
- Lou Ferrigno, il famoso Hulk della tv, ha contribuito alla voce di Hulk in questo film.
- Il budget è stato stimato attorno ai 250 milioni di dollari.
- Per Infinity War I e II Joss Whedon lascerà il timone ai registi del secondo capitolo di Capitan America, i fratelli Anthony e Joe Russo: "Ogni film che ho realizzato è sempre stato un grande progetto d’insieme, di proporzioni sempre crescenti. Le carte in tavola sono tantissime, e con Infinity War le proporzioni diventeranno ancora più enormi. Non sarei in grado di dare ciò che sarebbe necessario per fare quel film. Largo ai giovani, il gioco è loro".


Differenze dai fumetti
- Wanda e Pietro sono dei mutanti figli di Magneto, nel film invece acquisiscono i loro poteri grazie agli esperimenti a cui si sottopongono.
- Nei fumetti il barone Strucker è uno dei fondatori dell'HYDRA insieme al Teschio Rosso, mentre nel film è il nuovo capo dell'organizzazione dopo la morte di Alexander Pierce.
- Nel film viene spiegato che le Gemme dell'infinito sono contenute nel Tesseract, nell'Aether, nell'Orb e nello scettro di Loki. Nei fumetti le gemme invece non sono racchiuse in contenitori e sono sparse per l'universo, alcune in mano a potenti esseri cosmici che le tengono al sicuro.
- Nel fumetto Ultron è creato da Hank Pym basandosi sulla tecnologia del robot Dragon Man e sul suo stesso tracciato cerebrale, nel film invece è creato da Tony Stark come programma di difesa mondiale.
- Nel film Visione viene creato da Ultron e poi completato da Stark; nei fumetti viene creato unicamente da Ultron per vendicarsi di una precedente sconfitta contro il gruppo dei Vendicatori.
- Nel film Visione assimila il potere della Gemma della Mente, mentre nei fumetti non ha mai posseduto una Gemma.



CAST
Robert Downey Jr.: Tony Stark / Iron Man
Chris Hemsworth: Thor
Mark Ruffalo: Bruce Banner / Hulk
Chris Evans: Steve Rogers / Capitan America
Scarlett Johansson: Natasha Romanoff / Vedova Nera
Jeremy Renner: Clint Barton / Occhio di Falco
Don Cheadle: James Rhodes / War Machine
Aaron Taylor-Johnson: Pietro Maximoff / Quicksilver
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet
Paul Bettany: J.A.R.V.I.S. / Visione
Cobie Smulders: Maria Hill
Anthony Mackie: Sam Wilson / Falcon
Hayley Atwell: Peggy Carter
Idris Elba: Heimdall
Stellan Skarsgård: Erik Selvig
James Spader: Ultron
Samuel L. Jackson: Nick Fury

2 commenti:

  1. un filmaccio che non va oltre il 5... questo non è cinema, è solo schermo per bimbiminchia.

    RispondiElimina
  2. È cinecomic, chi non conosce il genere e non lo apprezza è normale che può ritenere questi film scarsi ;) sono film di intrattenimento tutta azione e avventura, molti elementi presentati sono apprezzati dagli appassionati ma anche in questa categoria ci sono pellicole pessime ;)

    RispondiElimina