L'ARMATA DELLE TENEBRE

Scritto da Raffaele Mussini - 05/12/15
Guarda il trailer

DATI
Regia: Sam Raimi
Sceneggiatura: Sam Raimi, Ivan Raimi
Durata: 84 minuti
Anno: 1992

Voto: 8,5
Trailer







Cambio di registro, o forse no; di sicuro una svolta inaspettata. È rarissimo il repentino cambio di genere all’interno di una stessa saga. Anzi, addirittura di una trilogia! La meritatissima aurea cult de L’Armata delle Tenebre sopravvive splendidamente ancora oggi, tanto che sono in molti a conoscerlo e perfino idolatrarlo senza essere effettivamente a conoscenza del suo legame con gli altri due. Legame che in fin dei conti è solo pretestuale, perché nonostante inizi esattamente dove La Casa 2 finiva, si tratta di un’opera a suo modo a sé stante, nella quale Raimi si prende ancora più libertà rispetto al secondo capitolo. Il che è tutto un dire.
L’Armata delle Tenebre è una pellicola esilarante, irresistibile, grottescamente cartoonesca, schematicamente fumettistica, genuinamente barocca, superbamente sfrenata. È indubbiamente la quintessenza dello stile del regista, il film-testamento della sua poetica. Quest'ultima è strutturata su una libertà creativa che nella propria vivacità ha qualcosa di squisitamente fanciullesco, ma che sa rivelarsi sapiente, intelligente, fantasiosa e carica d’estro come solo Tim Burton nei suoi migliori esordi. Nel mettere in scena il proprio armamentario immaginifico, Raimi si apre alla citazione, il cui molteplice ricorso impreziosisce ulteriormente il tutto: da Ultimatum alla Terra (l’idea del ricorso alla famosa formula magica e la sua successiva storpiatura sono geniali) a Gli Argonauti (tutta la memorabile battaglia finale), passando addirittura anche per il proprio La Casa (la sequenza nel bosco, prima dell’arrivo di Ash al mulino). Al di là dei suddetti rimandi, il film è un concentrato di scene cult a ripetizione (quella del pozzo, quella dei tre “diversi” volumi del Necronomicon nel cimitero, quella finale nel supermercato; solo per menzionarne alcune), vero e proprio trionfo del divertissement all’insegna dell’avventura, nonché elisir del sarcasmo applicato a certo cinema di genere. Un film che forse necessita perfino di un certo background culturale cinematografico per poter essere colto appieno in tutte le sue sfaccettature, ma che è comunque in grado di venire pienamente apprezzato anche al di là di ciò. Stracult, da vedere e rivedere. Bruce Campbell consegnato al mito.


CAST
Bruce Campbell: Ash Williams / Ash Malvagio
Embeth Davidtz: Sheila
Ian Abercrombie: Mago
Marcus Gilbert: Lord Arthur
Richard Grove: Enrico il Rosso
Ted Raimi: Cavaliere; commesso
Bridget Fonda: Linda

Nessun commento:

Posta un commento