THE AMAZING SPIDER-MAN 2

Scritto da Jacopo Braghiroli - 09/05/14
Guarda il trailer

DATI
Regia: Marc Webb
Soggetto: James Vanderbilt, dal fumetto della Marvel creato da Stan Lee & Steve Ditko
Sceneggiatura: Alex Kurtzman, Roberto Orci, Jeff Pinkner
Durata: 142 minuti
Anno: 2014

[Jaco] - voto: 6
[Raff] - voto:4,5
Trailer


[Jaco] - voto: 6
Seconda pellicola della nuova saga dedicata all'Uomo Ragno. Per quanto già col primo capitolo si sia portato su schermo un Peter Parker brillante e ironico, più piacevole e vicino all'originale fumettistico abbandonando l'insapidità di Tobey Maguire della precedente trilogia, rimangono le domande che hanno accompagnato ogni singola pellicola di questo personaggio. Perchè ci sono sempre dei cattivi stereotipati e piatti, relegati quasi a macchiette? Perchè introdurre più di un villain ad episodio rovinando tutto il prodotto? Ma soprattutto perchè ancora Spider-Man? In questa pellicola vediamo un Electro (Jamie Foxx, eccellente attore ma qui veramente poco sfruttato) realizzato visivamente molto bene, ma dalla personalità vuota e dalla presenza in scena imbarazzante, si cerca di offrire al pubblico un individuo profondamente disturbato dalla prepotenza delle persone che lo circondano, ma emerge solo un personaggio comico e bambinesco nella prima parte del film, e seppur dopo la trasformazione nell'uomo elettrico questo assume i tratti di un super villain ciò non basta per coinvolgere lo spettatore. Ottima l'interpretazione del sempre più confermato Dane DeHaan nei panni di Harry Osborn (consiglio la visione di Chronicle), anche se l'introduzione del suo villain negli ultimi minuti del film mi è sembrata molto forzata. Stendiamo un velo pietoso per Paul Giamatti (grande attore ma per pagare il mutuo si fa di tutto), il suo villain [SPOILER ALERT] Rhino mi è sembrato meno che inutile, spinto dentro una pellicola che non lo richiedeva. Tanti cattivi, poco sfruttati, proprio come accadde per lo Spider-Man 3 di Raimi. Ultima nota, il cattivo più convincente a mio parere fin'ora rimane Willem Dafoe del primo storico Spider-Man, intoccabile. Il mio 7 va puramente all'entertainment della pellicola, movimentata, tanta azione, tanti effetti speciali, e una buona carica emotiva dei personaggi. Il mio 6 va ad un ennesimo prodotto di questa categoria, il sequel di un reboot fatto per portare solo soldi in cassa senza innovare davvero il prodotto se non in pochissimi aspetti.

PRO
Ironia, pugni, saette, BANG! POW!
Quello che io chiamo "Electro Theme", le musiche che accompagnano il cattivo mi sono rimaste in testa
La coppia Peter-Gwen funziona sempre ottimamente

CONTRO
Un nuovo Spider-Man movie con cattivi piatti
Troppa carne sul fuoco, il troppo stroppia, portando a 140 minuti di pellicola
La Oscorp ha un atelier privato? Vogliamo parlare della tuta di Electro con il fulmine sul braccio?
La onnipresente folla petulante


[Raff] - voto:4,5
Meglio essere chiari e diretti fin dall’inizio: “The Amazing Spider Man 2” è, fino ad ora, il peggior film con un supereroe della Marvel. Sequel inutile di un reboot del quale non si sentiva il bisogno (Sam Raimi, torna da noi!), sbaglia tutto dall’inizio alla fine: dall’imperdonabile errore di voler mettere troppa carne al fuoco (il focus insistito sulla storia d’amore tra Peter e Gwen, nonché un eccessivo numero di antagonisti), fino ad arrivare a un Goblin ridicolo, quindi a Electro, personaggio del tutto privo di spessore. Vi è poi una durata eccessiva quanto improponibile, e l’inutilissima quanto inappropriata morte di Gwen, probabilmente motivata dallo scopo di voler attribuire – tutto d’un colpo – alla pellicola quello spessore drammatico del quale invece sarebbe priva. E del quale, mi sento di aggiungere, rimane priva lo stesso. Ma ad affossare soprattutto questo sequel e a renderlo un pasticcio inguardabile sono i dialoghi inascoltabili tra Garfield e la Stone, esito di una sceneggiatura scritta con i piedi; la loro patinatissima love story offusca, rallenta e infine devasta il film. Marc Webb proviene dalla commedia (il sopravvalutatissimo “500 giorni insieme”) e si vede: vien da pensare che forse quello supereroico non sia un genere a lui congeniale (già il primo “Amazing Spider Man”, seppur riuscito, non era quel gran film), ma qui dimostra colpevolmente di non saper maneggiare neanche quegli schemi e dinamiche che altrove hanno reso preziosa l’ironia in operazioni simili a questa. Ogni dieci minuti qualche battuta fa cascare le braccia, e quando si arriva alla battaglia finale tra Spider Man ed Electro, con le saette di quest’ultimo che – nell’impatto – provocano note musicali, vien da tirare contro lo schermo il primo oggetto che capita a tiro. Un film bruttissimo, estremamente curato negli effetti speciali, ma ciononostante indifendibile. Jamie Foxx sprecatissimo e Paul Giamatti in un ruolo tristemente scult. 


PILLOLE DI CINEMA [fonte: cineblog]
- Shailene Woodley era stata lanciata come Mary-Jane Watson, e ha anche girato alcune scene. Ma il suo ruolo è stato tagliato dal film, perché i realizzatori sentivano che c'erano troppi personaggi e volevano snellire la serie, e hanno lasciato Gwen Stacy come l'unico interesse affettivo di Peter Parker.
- Jane Levy e Kristen Stewart sono stati entrambi considerati per il ruolo di Mary Jane, prima dell'eliminazione del personaggio.
- Jamie Foxx e Chris Cooper sono i primi vincitori di Oscar ad interpretare i cattivi di Spider-Man. Jamie Foxx (Electro) ha vinto l'Oscar 2005 come miglior attore per Ray. Chris Cooper (Norman Osborn) ha vinto l'Oscar 2003 come miglior attore non protagonista per Il Ladro di Orchidee.
- Chris Cooper è stato considerato per il ruolo di Doc Ock/Dr. Otto Octavius ​​nel secondo film della saga di Spiderman di Sam Raimi. La parte invece andò a Alfred Molina.
- E' il più lungo film di Spider-Man fino ad oggi: ben 142 minuti.
- Quando le è stato chiesto il rapporto tra Peter e Gwen, Emma Stone ha detto: "Gwen salva Peter più di quanto lui salvi lei. E' incredibilmente utile per Spider-Man... Lui è il muscolo, lei è il cervello".
- Alden Ehrenreich, Brady Corbet, Eddie Redmayne, Sam Claflin, Douglas Booth e Boyd Holbrook siamo considerati per interpretare Harry Osborn. La parte è andata poi a Dane DeHaan.
- Paul Giamatti ha amato l'accento russo che ha usato per Aleksei Sytsevich: "E' un mafioso russo e i russi sono sempre i più cattivi. E' stato davvero divertente".
- Ci sono volute 3 ore e mezza di trucco per Dane DeHaan per entrare nei panni di Goblin. La tuta pesava 50 chili e ci è voluto un'ora per indossarla.
- Il budget è stimato a 200 milioni di dollari.


CAST
Andrew Garfield: Peter Parker/Spider-Man
Emma Stone: Gwen Stacy
Jamie Foxx: Max Dillon/Electro
Dane DeHaan: Harry Osborn/Green Goblin
Sally Field: May Parker
Chris Cooper: Norman Osborn
Paul Giamatti: Aleksei Sytsevich/Rhino
Marton Csokas: Dr. Kafka
Colm Feore: Donald Menken
Felicity Jones: Felicia Hardy
B.J. Novak: Alistair Smythe
Denis Leary: Cap. George Stacy
Campbell Scott: Richard Parker
Embeth Davidtz: Mary Parker
Martin Sheen: Ben Parker
Michael Massee: Gustav Fiers

Nessun commento:

Posta un commento