IL PONTE DELLE SPIE

Scritto da Jacopo Braghiroli - 03/01/16
Guarda il trailer

DATI
Regia: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Matt Charman, Joel ed Ethan Coen
Durata: 141 minuti
Anno: 2015

Voto: 7








1957: James Donovan (Tom Hanks), un avvocato di un noto studio legale di Brooklyn viene incaricato di difendere la spia russa Rudolf Abel (Mark Rylance) catturata dall'FBI. L'opinone pubblica è contro questo processo, ma Donovan intravede l'opportunità di mostrare a tutto il mondo i valori della Costituzione con le sue regole, dove tutti i cittadini hanno pari diritti. La decisione dell'avvocato si rivelerà lungimirante quando nel 1960 il pilota di U-2 Francis Gary Powers viene catturato e condannato dai sovietici: con Abel sul suolo americano si potrebbe dare il via ad uno scambio per riportare Powers a casa. Steven Spielberg torna a mostrarci spaccati di episodi importanti di questi nostri ultimi anni, dopo l’età dello schiavismo negli Stati Uniti raccontata in Amistad (1997), la guerra di secessione americana con Lincoln (2012), la Prima Guerra Mondiale in War Horse (2011) e la Seconda in Schindler’s List (1993). Pur conservando la cura nella riproduzione della realtà storica, regalando al contempo un'ottima performance attoriale, e destando la curiosità dello spettatore per ciò che sta guardando, questo Il Ponte delle Spie non brilla quasi mai per colpi di scena e ritmi incalzanti. Al contrario la narrazione risulta lenta nella prima parte del film, per accelerare debolmente sul finale. I momenti carichi di emozioni sono ridotti all'osso, ed è sempre presente nel sottotesto un velato patriottismo americano ardente contrapposto alla freddezza delle nazioni avversarie, dogma ormai indelebile in tutte le grandi produzioni hollywoodiane. Negli ultimi anni il regista di Cincinnati sembra aver perso il tocco magico che ci ha regalato capolavori indimenticabili come Jurassic Park, E.T. - L'Extraterrestere, Salvate il soldato Ryan per far posto ad uno stile più anonimo privo di pathos e guizzi artistici. Film consigliato per il bagaglio culturale che porta con se, attenzione però per chi ha il sonno facile. 


PRO
Una ricostruzione curata della Guerra Fredda e della vicenda U-2
Ottima prova attoriale

CONTRO
L'estro di Spielberg è stato diluito nelle abbondanti due ore della pellicola
Narrazione lenta


CAST
Tom Hanks: James B. Donovan
Mark Rylance: Rudolf Abel
Amy Ryan: Mary McKenna Donovan
Alan Alda: Thomas Watters
Austin Stowell: Francis Gary Powers
Scott Shepherd: agente Hoffman
Jesse Plemons: Murphy
Domenick Lombardozzi: agente Blasco
Sebastian Koch: Wolfgang Vogel
Eve Hewson: Carol Donovan
Will Rogers: Frederic Pryor
Dakin Matthews: giudice Mortimer W. Byers
Michael Gaston: Williams
Mikhail Gorevoy: Ivan Alexandrovich Schischkin
Peter McRobbie: Allen Dulles
Stephen Kunken: William Tompkins
Joshua Harto: Bates
Billy Magnussen: Doug Forrester
Burghart Klaußner: Harald Ott
David Wilson Barnes: Mr. Michener
John Rue: Lynn Goodnough
Petra Maria Cammin: Helen Abel
Jillian Lebling: Peggy Donovan
Noah Schnapp: Roger Donovan

Nessun commento:

Posta un commento