DRACULA 3D

Scritto da Raffaele Mussini - 03/09/16
Guarda il trailer

DATI
Regia: Dario Argento
Sceneggiatura: Dario Argento, Enrique Cerezo, Stefano Piani, Antonio Tentori
Durata: 105 minuti
Anno: 2012

Voto: 1








È da un po’ di anni che Argento scava e scava sempre di più; per l’esattezza da La Sindrome di Stendhal (1996), ma col successivo Il Fantasma dell’Opera (1998) pensavamo di aver visto il peggio del peggio. Ahinoi, l’agonia era appena iniziata, perché nel 2013 il regista romano arriva a toccare il fondo. Un film talmente brutto che è quasi una consolazione, perché la prossima fatica di Argento (fatica che speriamo di non vedere mai e poi mai compiuta) potrà solo riuscire meglio. Peggio è impossibile. Il livello è quello di Giallo (perché al confronto Non Ho Sonno sembra Tenebre), ma qui c’è in più la colpevolezza derivante dall’aver voluto puntare in alto, la pretesa di aver cercato realizzare qualcosa di grande, ovvero la rilettura personale di una delle figure – narrative prima che cinematografiche – chiave del Novecento. In altre parole, Argento ha voluto accostarsi a quei grandi cineasti che in passato diedero il proprio contributo nel portare su grande schermo il vampiro più famoso al mondo (nel ricordare Tod Browning, Terence Fisher e tutti i film della Hammer, la bella versione di John Badham, nonché l’eterno Coppola, ci viene da piangere). Questa falsa e autoconsapevole ambizione traspare colpevolmente, contribuendo a far cadere questo Dracula nel ridicolo involontario. 
In questo film non c’è niente – ma proprio niente – che funzioni:
- in primis il cast, che vede una Asia Argento al suo peggio recitativo e un Rutger Hauer che pone il sigillo definitivo all’autodistruzione di una carriera
- le scenografie di cartapesta e l’ambientazione circoscritta a quattro mura e un paio di stanze, sciatta e priva di qualsiasi fascino (gotico in primis), contribuisce a rendere la pellicola fastidiosamente statica
- una fotografia improponibile, colpa di un’illuminazione abominevole che getta luce (forti bagliori) a casaccio sui personaggi
- sceneggiatura immeritevole di tal nome
- effetti speciali degni dei peggiori film della Asylum
- trovate talmente imbarazzanti da essere diventate ormai perle scult (Dracula che si trasforma in una mantide gigante!)
- totale mancanza di ritmo aggravata da una durata eccessiva.
Come se non bastasse, il 3D è becero e stantio, volto esclusivamente a far bucare lo schermo dalla punta di una spada o quant’altro capiti a tiro, banalità che avrebbero forse avuto effetto se la stereoscopia fosse una novità da qualche mese. A dire il vero, il film ripaga pienamente le aspettative, perché la caduta artistica del cineasta è ben nota a tutti i suoi estimatori, i quali guardando questo suo ultimo film non possono che aspettarsi esattamente ciò che esso regala. In tale ottica l’opera in analisi funge da conferma imprescindibile e inequivocabile a chiunque fosse così pazzo da avere ancora dubbi sulla perdita, da parte di Argento, di un talento del quale Dracula 3D sancisce l’irrecuperabilità. 


CAST
Thomas Kretschmann: Dracula
Asia Argento: Lucy Kisslinger
Rutger Hauer: Abraham Van Helsing
Unax Ugalde: Jonathan Harker
Marta Gastini: Wilhelmina Mina Murray
Miriam Giovanelli: Tanja
Giuseppe Loconsole: Zoran
Augusto Zucchi: Andrej Kisslinger
Maria Cristina Heller: Jarmila
Giovanni Franzoni: R.M. Renfield
Morgane Slemp: Inga
Christian Burruano: Milosh
Francesco Rossini: Ten. Delbruck
Riccardo Cicogna: Janek
Eugenio Allegri: Il Locandiere
Piero Passatore: Il Pope

Nessun commento:

Posta un commento