TRAPPOLA DI CRISTALLO - DIE HARD

Scritto da Raffaele Mussini - 11/11/15
Guarda il trailer
 

DATI
Regia: John McTiernan
Soggetto: tratto dal libro di Roderick Thorp
Sceneggiatura: Steven E. de Souza, Jeb Stuart
Durata: 131 minuti
Anno: 1988

Voto: 8,5
Trailer






Per una volta il titolo italiano non è vergognoso come capita nella quasi totalità dei casi di distribuzione italiana di un film straniero. Trappola di Cristallo, meglio conosciuto come Die Hard, è il capostipite della migliore saga d’azione di tutti i tempi assieme a Rambo (ma per alcuni addirittura meglio). Ma è anche di più. Diretto da uno dei padri dell’action movie americano, già in passato (il passato antecedente al film in analisi, si intende) autore di un capolavoro come Predator (miglior film del regista ex-equo a Trappola di Cristallo), questa pellicola è prima di tutto un modello. Imitatissimo ancora oggi, copiatissimo, plagiato, ma non di rado riutilizzato con intelligenza (Sotto Assedio - White House Down). È il modello che vede l'assedio di una banda di criminali altamente sofisticati in un luogo fortemente circoscritto (che sia un grattacielo di Los Angeles oppure la Casa Bianca), situazione nella quale vi è il “classico” eroe improvvisato che risolve la situazione non però senza difficoltà e uscendone puntualmente ferito e sanguinante. Quante volte abbiamo visto riprodursi successivamente questo schema? Innumerevoli. Cosa dire per il resto? Il film non va per le leggere, giacché la violenza è componente rilevante ed evidente. Battute azzeccate, tempi e dinamiche dell’azione perfetti, ritmo e tensione alle stelle. Quello che si dice un film coinvolgente e altamente spettacolare, dove tutto è piazzato al punto giusto. Ma sbaglia chi, guardandolo, lo considera un prodotto sì efficace, sì divertente, ma comunque usa e getta e per nulla innovativo. Perché invece proprio questo è il film di John McTiernan: innovativo. Quest'opera è in realtà l’ABC del suo genere, tanto che potremmo (per nulla esagerando) parlare di cinema d’azione prima di Die Hard e di cinema d’azione dopo Die Hard. Aggiungiamoci poi Bruce Willis, la cui fama è interamente (e dico interamente) dovuta a questo film, che egli stesso con il suo carattere macho e rude e la sua carica autoironica contribuisce a valorizzare. Aggiungiamoci la colonna sonora: chi, dopo averlo visto, non pensa al film ogni qualvolta gli capiti di ascoltare l'Inno alla Gioia di Beethoven? Aggiungiamoci infine Alan Rickman: perfetto cattivo nonché futuro interprete di tutta la saga di Harry Potter nei panni di Severus Piton. Film che avrebbe generato sequel e seguaci a non finire (e, caso unico nella Storia del Cinema, tutti i sequel – a mio parere – sono degni del capostipite), è un autentico e imprescindibile cult movie che buona parte della nuova generazione purtroppo ignora, troppo concentrata a idolatrare prodotti (quelli sì, usa e getta) come i I Mercenari o Fast & Furious. Nonostante l’enorme fama sia degna del risultato, merita di essere comunque (nuovamente) riscoperto. McTiernan avrebbe in futuro diretto il terzo capitolo, nonché altri film per nulla trascurabili, tra i quali Caccia a Ottobre Rosso (1990). Eppure è dal 2003 (il buono ma non eccezionale Basic) che sembra non farsi più vedere. Invochiamo a gran voce il suo nome sperando in un suo imminente ritorno dietro la macchina da presa, così che possa regalare una volta ancora al cinema un'opera degna di gran parte della sua filmografia, avendo però piena consapevolezza che Trappola di Cristallo rimarrà insuperato.


CAST
Bruce Willis: John McClane
Alan Rickman: Hans Gruber
Bonnie Bedelia: Holly Gennaro McClane
Reginald VelJohnson: Serg. Al Powell
Paul Gleason: Isp. Capo Dwayne T. Robinson
William Atherton: Richard Thornberg
Hart Bochner: Harry Ellis
James Shigeta: Joseph Yoshinobu Takagi
Alexander Godunov: Karl
De' Voreaux White: Argyle
Clarence Gilyard: Theo
Lorenzo Caccialanza: Marco
Al Leong: Uli
Robert Davi: Ag. Speciale Johnson
Grand L. Bush: Ag. Johnson
Taylor Fry: Lucy McClane

Nessun commento:

Posta un commento