LA MALEDIZIONE DELLO SCORPIONE DI GIADA

Scritto da Jacopo Braghiroli - 28/11/15
Guarda il trailer
 

DATI
Regia: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Durata: 103 minuti
Anno: 2001

Voto: 7
Trailer

Questo film di Woody Allen, è ambientato negli anni quaranta tra whisky, bar malfamati, femme fatale, detective e relativi impermeabili il tutto condito da battute sagaci. I dettagli d'epoca sono curatissimi, lo spettatore viene subito avvolto dall'atmosfera fatta da una scenografia incredibilmente rappresentativa, e la fotografia di Zaho Fei, che viene dalla Cina, da al tutto un filtro giallino e invecchiato che allo stesso tempo però addolcisce le immagini . Si sa come Allen attraverso le sue sceneggiature cerchi di rendere omaggio alle sue passioni, New York, Bergman, l'espressionismo, gli anni 30, e questa volta la base è rappresentata dalla commedia gialla ambientata a cavallo della seconda guerra mondiale in America. Il film è perente stretto ma meno riuscito dell’eccellente film alleniano Misterioso Omicidio a Manhattan dove uno scrittura simpatica con personaggi goffi combaciava in maniera perfetta con la leggera avventura gialla newyorkese. Allen impersona Biggs un detective per una società di assicurazioni che si caccia in un bel pasticcio incastrato come un topo in gabbia. Interessante e divertente è la sua nemesi con B.A. Fitzgerland (Helen Hunt) dove l'emancipazione femminile sbatte contro gli stilemi del genere. È evidente il tentativo di Allen di portare omaggio anche ai film dell’epoca, comunque particolarmente gustosi gli scambi tra i personaggi sempre spigliati e mai noiosi. Tuttavia per chi ha ben presente tutti i film del regista potrebbe ritrovare le sue classiche tematiche ormai non più originali, come l'amore perso e ritrovato, la magia, la voglia di rappresentare le atmosfere ormai passate però questa volta non ritrovando un vero contenuto. Da non dimenticare i ritmi jazz che accompagnano in maniera perfetta le avventure scapestrate del protagonista. Film decisamente consigliato votato solo all'intrattenimento per una serata leggera tra dialoghi screwball e situazioni paradossali.

PRO
Ritmo, sceneggiatura e dialoghi come al solito di alto livello, atmosfere, buone interpretazioni 

CONTRO: mancanza dei contenuti a cui ci aveva abituato il regista, un certa prevedibilità nel finale 

P.S. all’interno del film una giovane Charlize Theron difficile da dimenticare nei panni di una femme fatale.

 
CAST
Woody Allen: C.W. Briggs
Helen Hunt: Betty Ann Fitzgerald
Dan Aykroyd: Chris Magruder
Charlize Theron: Laura Kensington
David Ogden Stiers: Voltan, il mago
Brian Markinson: Al
Wallace Shawn: George Bond
Peter Gerety: Ned
Michael Mulheren: Herb Coopersmith
Peter Linari: Joe Coopersmith
John Schuck: John Mize
Elizabeth Berkley: Jill
Irwin Corey: Charlie
John Tormey: Sam
Arthur J. Nascarella: Tom

Nessun commento:

Posta un commento